TRANSLATE

CLICCA E SCOPRI DI PIU'

domenica 24 maggio 2015

Annali Pisani, Gli Arabi, Lipari e San Bartolomeo.



28 maggio 1035



Avendo i saracini occupata l’isola di Lipari, scorrevano giornalmente le spiagge de’ Cristiani, dove facevano grosse prede, e molti prigioni. Pervenuti questi avvisi alle orecchie de’ Pisani, inanimati dall’ottenuta vittoria di Cartagine, armarono quaranta Galere, ed usciti s’indirizzarono verso la detta Isola per liberarla dalle mani di quegl’Infedeli.

Ammiraglio della qual Armata dicono che fosse Sigerio Matti, il quale entrato all’improvviso nel porto, prese parte de’ Vascelli, che vi si ritrovavano, e parte affondati, mise l’assedio alla Città, che ben presto l’ottenne, ed il dì 28 maggio scorse tutta l’Isola, dove fece un grosso bottino, e dalla Chiesa dedicata al Glorioso Apost. S. Bartolommeo, levò la di lui Testa, ed una mano, che in detta Chiesa si conservava, le quali Reliquie, colla dovuta venerazione trasportò a Pisa, dove onorevolissimamente si conservano nella Chiesa Maggiore.

Che ivi fosse traslatato il Corpo di detto S. Apostolo, chiaramente lo dice Freg. Turon della Glor. De’ Mart. Cap. 34, il Card. Bar., ne fa ampia attest. Nelle sue note al martirol. Cit. molti altri Aut., e se fosse opposto, che il Corpo del medesimo Santo fù poi traslatato da Lipari a Benevento l’anno 832, come vuol Sigeb. Nella sua Cron. L’anno 840 secondo Leone Ostien. Lib. Pr. Cap. 26 e che di lì poi fù portato a Roma da Ottone Imperatore l’anno 983 e che in conseguenza non potevano in quest’anno aver trovato i Pisani dette S. Reliquie in Lipari; io risponderei, come ha fatto il molti casi il medesimo Card. Bar. Ne’ suoi Ann., che non si deve reputare cosa ripugnante, che quando il Corpo del medesimo Santo, fu traslatato da Lipari, ne fosse ivi restata parte per buona, fortuna de’ Pisani, de’ quali altri che hanno scritto gl’Annali, raccontano diversamente questa impresa, asserendo, che quando i Saracini ebbero sentore che era mossa contro di loro l’armata Pisana, il di cui nome era già divenuto tremendo, non vollero aspettare per non essere sconfitti, ma presero risoluzione di spogliar tutta l’isola, e lasciarla vuota di robe e abitatori, e fuggirsi in luogo sicuro, e così fecero, credendo, che i Pisani non la dovessero tenere, come paese lontano, e disastroso, ond’eglino sarebbero poi ritornati a riabitarvi, ma s’ingannaro, perché impadronitisi i Pisani dell’Isola, la tennero, e la munirono.

Anno 1036

Partiti i Pisani coll’armata da Lipari si inviarono verso Bona Città dell’Affrica, quale città fù  Patria di S. Agostino, e la presero con aver tagliati a pezzi molti di quegl’infedeli, ed in particolare il loro Re, e con ricchissima preda se ne ritornarono vittoriosi alla Patria.
Ritrovatasi in quel tempo l’Imperator Corrado in Italia per quietare i tumulti di Lombardia, onde i Pisani per gratificarselo, gli spedirono Ambasciatori, col mezzo de’ quali donarono a S. M. l’isola di Lipari da loro acquistata, inviandogli ancora la corona reale del Re di Bona.
Furono graditissimi i doni all’Imperatore, lodando l’affetto de’ donatori, a’ quali sempre corrispose con reciproco amore. In quest’anno i Pisani diedero principio a fabbricare il ponte vecchio, oggi della fortezza, quale era di legno, e fù finito l’anno 1046.

Fatto storico realmente avvenuto o leggenda? Questa è stata la prima domanda che ci siamo posti nel leggere gli annali Pisani. Possiamo affermare che, allo stato delle ricerche, nessun testo di Storia Pisana nega l'evento. Come abbiamo avuto modo di dimostrare gli eventi relativi all'attacco nei confronti degli arabi di Lipari sono ben dettagliati rispetto agli altri avvenimenti narrati nel periodo, come le spedizioni nei confronti di Bona ed Utica. La data della spedizione, il numero delle navi, la topografia di Lipari, il passaggio relativo alla Chiesa dedicata a San Bartolomeo nell'area del presunto luogo dello sbarco del corpo dell'apostolo, sono precisi particolari che non possono essere derubricati alla voce “leggenda”. Lo stesso dicasi delle reliquie trafugate da Lipari e conservate presso il Duomo di Pisa. La stessa cronaca relativa alla realizzazione del ponte vecchio conferma l'evento.
Due degli eruditi pisani più noti, Tronci e Roncioni, dedicano ampio spazio e risalto alla cronaca dell'attacco pisano nei confronti degli arabi di Lipari, senza alcun tentennamento.
Per quasi un secolo abbiamo dato per scontato alcune informazioni storiche sul periodo arabo di Lipari, adesso la scoperta degli Annali del Tronci ci spingono a cercare altre prove, altre testimonianze, a conferma o smentita di questi fatti.
Il racconto del Tronci e degli storici pisani, ci stimola ad immaginare una comunità liparota consistente ed in grado di avviare una notevole opera di ricostruzione subito dopo l'arrivo dei Benedettini, quale la costruzione del monastero, della prima cattedrale e del Chiostro, rafforzando quanto sostenuto dagli avvocati del Comune di Lipari, e principalmente all'avvocato Emanuele Carnevale, nella lunghissima controversia legale sui terreni pomiciferi e sulla interpretazione dei diplomi normanni sostenuta contro la Mensa Vescovile di Lipari nei periodi 1888-1891 e 1911 1926.
Le Isole Eolie, ancora una volta, riescono a sorprenderci, a non dare  per scontato che tutto sia noto o sia stato scoperto; attraverso la ricerca è possibile scoprire e riscrivere il passato delle nostre isole e darci indicazioni per il futuro.

Per approfondimenti: Giuseppe La Greca, Lipari al tempo degli arabi, edizione del Centro Studi Eoliano, 2009.
 





Ti è piaciuto questo Post? Non esitare a condivide e a mettere Mi Piace sulla pagina Facebook di “Blog 7 isole – Eolie” per non perderti i futuri Post!

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia un Tuo Commento. (non usate turpiloquio)