TRANSLATE

CLICCA E SCOPRI DI PIU'

mercoledì 6 maggio 2015

9 maggio 1943 Il “Santamarina” (Giuseppe La Greca)



9 maggio 1943
Il “Santamarina”

Negli ultimi anni diversi eoliani hanno ricordato con dovizia di particolari il tristissimo episodio dell’affondamento del “Santamarina”. Il Comune di Santa Marina ha dedicato un monumento agli scomparsi, mentre un monumento è stato collocato a Vulcano, nei pressi di Punta Bandiera, da oltre dieci anni da parte di un privato.
Oggi, senza entrare nell’evento, ritengo giusto ricordare come l’affondamento del postale eoliano non debba e non possa attribuirsi né ad un “errore” né ad una fatale circostanza bensì ad una precisa disposizione operativa, e, pertanto, ad una operazione predisposta e voluta.

Prima di quel 9 maggio 1943 il “Santamarina” era stato, molto probabilmente, oggetto di avvistamenti e di continue sorveglianze da parte delle unità sottomarine britanniche senza mai venire attaccato. La ragione di un tale atteggiamento è, molto probabilmente, da ricercarsi in una specie di “gentlemen agreement” da parte di tutti i sottomarini nemici, scienti di avere a che fare con una unità civile inoffensiva e desiderosi di non causare vittime innocenti. L’affermazione di cui sopra è confermata dai numerosi attacchi nel quadrante di mare compreso tra Capo D’Orlando, Capo Milazzo, Capo Rasocolmo e le acque delle Isole Eolie operate – tra il 1941 ed il 1943 – dalle diverse unità sottomarine britanniche.

Il 31 marzo 1941 il sommergibile “Capponi”, in trasferimento da Messina a La Spezia per essere messo in disarmo, fu silurato ed affondato a sud di Stromboli dal sommergibile inglese Rorqual. Nessun superstite fra i 49 membri dell’equipaggio.

Il 27 settembre 1941 il cacciasommergibili “Albatros” fu silurato dal sommergibile britannico “Upright” e s’inabissò a 8 miglia a nord ovest di Capo Rasocolmo con 52 membri di equipaggio.

Il 5 gennaio 1942, il sommergibile oceanico “Ammiraglio Saint Bon” mentre transitava in superficie, al largo di Capo Milazzo, fu avvistato dal sottomarino britannico “Upholder”, che gli lanciò una sventagliata di siluri, uno di questi centro l’unità navale italiana che saltò in aria con i suoi 78 membri di equipaggio.

Il 1 aprile 1942, tra capo Rasocolmo e Stromboli, venne affondato dal sottomarino “Urge”, l’incrociatore leggero “Giovanni delle Bande Nere”. Un siluro spezzò in due lo scafo che affondò rapidamente trascinando con se 287 uomini.

Il mattino del 13 agosto del 1942 gli ottocento abitanti di Panarea vennero svegliati da due boati provenienti dal mare. L’incrociatore pesante Bolzano e l’Attendolo erano stati colpiti da due siluri lanciati da un sommergibile inglese nello specchio d’acqua davanti all’isola. Dalla spiaggia era possibile scorgere le sagome delle navi e il fumo denso e nero proveniente dal Bolzano, incendiatosi per lo scoppio di una caldaia. Attorno i cacciatorpediniere di scorta giravano nervosamente tentando di localizzare il sommergibile. Dall’isola partirono alcune barche per prestare soccorso ai superstiti.

Il 3 marzo 1943 un sommergibile affondò a cannonate, al largo di Milazzo, il Piroscafo “Pier Luigi” di 2571 tonnellate.

Il 10 marzo 1943 viene affondata la nave cisterna “Rosario”, da 5468 tonnellate, da parte del sottomarino britannico “Trooper” al largo di Capo Milazzo.

Il 27 marzo 1943 il sottomarino “Upholder” violò clamorosamente il porto di Milazzo, silurandovi il piroscafo “Sidamo” ormeggiato alla Banchina XX luglio.

Il 24 aprile 1943, sempre la largo di Capo Milazzo, nel corso di un attacco notturno, fu affondato il piroscafo “Galiola” di 1428 tonnellate.

Prima di affondare il “Santamarina”, il sommergibile “Unrivalled” aveva affondato, il 16 febbraio 1943, il Piroscafo Pasubio al Largo di Punta Stilo, e la nave cisterna “Bivona” a Trapani.

Con la preparazione della operazione  Hsky (termine con il quale veniva convenzionalmente indicata l’invasione alleata della Sicilia) in data  3 maggio 1943 venne redatto dal Quartier Generale del Generale Sir Harold Alesander il definitivo “Piano strategico preliminare” il cui primo punto prevedeva la “neutralizzazione” di TUTTI i mezzi e delle basi navali ed aeree dell’Asse in Sicilia, ai fini d’impedire il loro impiego in combattimento e nel successivo inevitabile ripiegamento italo-tedesco nell’Italia continentale. Subito le azioni aeree e navali inglesi e statunitensi nella Sicilia si intensificarono con attacchi crescenti massicci e, spesso, indiscriminati. La rigorosa applicazione delle disposizioni scaturite dal predetto Piano strategico che nella giornata del 9 maggio 1943 condannarono il Santamarina.
 

 Giuseppe La Greca


 Ti è piaciuto questo Post? Non esitare a condivide e a mettere Mi Piace sulla pagina Facebook di “Blog 7 isole – Eolie” per non perderti i futuri Post!

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia un Tuo Commento. (non usate turpiloquio)