TRANSLATE

CLICCA E SCOPRI DI PIU'

venerdì 30 agosto 2013

Comunicato stampa de La Sinistra, sulla vicenda del depuratore di Canneto Dentro.

Lipari, 30 agosto 2013

Comunicato stampa de La Sinistra.


Il 9 luglio scorso il Consiglio comunale di Lipari aveva approvato all’unanimità un ordine del giorno nel quale veniva chiesto esplicitamente che l’Amministrazione inoltrasse al Governo nazionale la richiesta urgente di revoca dell’emergenza idrica. Era questa l’unica strada percorribile per restituire ai poteri locali le competenze in materia di depurazione.

Evidentemente, il concetto di “urgenza” sfugge all’Amministrazione comunale di Lipari: una lettera che avrebbe dovuto essere spedita il 10 luglio, infatti, è partita il 19 agosto, ossia 40 GIORNI DOPO!

Il dubbio che non fosse stata avviata nessuna interlocuzione con il Governo nazionale aveva spinto il 6 agosto il consigliere della Sinistra Pietro Lo Cascio a presentare un’interrogazione per conoscerne gli esiti.

Durante i 40 giorni preziosi inutilmente sprecati, il commissario all’emergenza Pelaggi ha siglato il contratto con la ditta (30 luglio), avviando la fase esecutiva della contestata realizzazione del depuratore a Canneto Dentro. È ovvio che, oggi, ogni ipotesi alternativa diviene estremamente complicata, per non dire remota.

Alla luce di questi fatti, è giusto quindi dire le cose come stanno: il comportamento dell’Amministrazione comunale di Lipari è quello di chi condivide la realizzazione del nuovo depuratore a Canneto Dentro, così come progettato dalla Sogesid. Temporeggiando inutilmente di fronte alle istanze del Consiglio, essa ne ha mortificato il ruolo e vanificato l’opera. Non è un caso che sempre più numerosi consiglieri della maggioranza, in varie interviste, si dichiarino d’accordo con la realizzazione del depuratore a Canneto Dentro.

Non meno mortificante è l’assordante silenzio che giunge da quelle forze politiche locali – PD, PDL, UDC – che oggi sono tutte rappresentate nel Governo nazionale, da cui dipende ogni decisione ultima sulla fantomatica emergenza idrica delle Eolie e, dunque, sul contestato progetto. Quando di mezzo ci sono poteri forti, evidentemente è meglio non prendere posizione.

Quello che sta accadendo a Lipari viola elementari principi di democrazia, con decisioni assunte senza alcuna reale concertazione e in deroga ai procedimenti amministrativi ordinari, e persino il buon senso.

In  piena autonomia, i commissari all’emergenza che si sono succeduti negli ultimi anni (Bruno, Alecci, Pelaggi) hanno infatti deciso di impegnare decine di milioni per progetti faraonici che rischiano di pregiudicare luoghi cruciali per l’economia turistica dell’isola (persino una spiaggia Bandiera Blu), sbancamenti di decine di migliaia di tonnellate di sterro (che non si sa dove finiranno). Tutto ciò ha creato forti preoccupazioni nella cittadinanza, preoccupazioni che condividiamo pienamente, anche alla luce delle controverse notizie che giungono dai siti dove sono state adottate analoghe scelte progettuali.

Eppure oggi sarebbe ancora possibile realizzare un nuovo depuratore nel sito attualmente occupato dal vecchio impianto già esistente, migliorandone la funzionalità mediante tecnologie avanzate e sperimentate con successo, che prevedono l’impiego dei biorulli (gli stessi utilizzati nell’impianto di depurazione dell’aeroporto di Catania, per capirci). Questa scelta comporterebbe l’occupazione di un’area inferiore a 1000 mq, ben poca cosa rispetto alle superfici immediatamente disponibili nei pressi dell’impianto esistente, e – cosa ancora più importante – costerebbe meno di 2.000.000 di euro, IVA compresa!

Ma le soluzioni economicamente vantaggiose, di basso impatto ambientale e anche sociale, semplici e certamente più logiche come queste, urtano contro le logiche imposte dai poteri forti che privilegiano mega-interventi foraggiati con fiumi di denaro pubblico. Purtroppo, queste logiche sembrano trovare inattese e mortificanti complicità, anche nei poteri locali.


La Sinistra



Blog 7 Isole. Per segnalazioni: blog7isole@yahoo.it -- Pagina Facebook "Blog 7 Isole (Eolie) - Mettete "Mi Piace" alla Pagina e Seguiteci.

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia un Tuo Commento. (non usate turpiloquio)